Ita/
Newsletter 09 del 31.05.16

In continuità con il manifesto “Da Smart City a Smart Land” (alla cui uscita, nel 2013, ha fatto seguito un libro di successo), Fondazione Francesco Fabbri presenta in anteprima un nuovo manifesto sulla “Società Circolare” curato da Aldo Bonomi, Federico Della Puppa e Roberto Masiero.

 

Occasione di questa prima uscita nazionale la premiazione ufficiale del Concorso TEMPI MODERNI – DIGITAL HUBS 2016, in corso oggi, 31 maggio 2016, a Marghera. L’iniziativa, nata per sostenere l’avvio di proposte imprenditoriali nel settore dell’economia digitale in tutte le sue declinazioni, è promossa da Gruppo Giovani Imprenditori Venezia e da Confindustria Venezia (www.concorsotempimoderni.it).

 

Il progetto “Società Circolare” presenta gli scenari relativi al passaggio, ormai necessario, da una società di tipo orizzontale caratteristica del tardo Novecento (capitalismo molecolare) ad una società e a un’economia di tipo circolare, basate sui flussi di energia, di comunicazione e di denaro.

 

È un nuovo paradigma che comporta l’incorporazione di stili di vita, di consumo e di comportamenti, che rimandano alla mutazione antropologica e sociale in atto, attraverso lo spostamento da un’economia industriale ad una digitale.

 

Permeata ormai da quell’internet of everything che è rete di persone, processi, dati, dispositivi, la società ha l’occasione di rivedere il proprio modello di sviluppo per costruirsi un futuro intelligente, sostenibile e inclusivo. La condivisione diventa il concetto chiave da estendere ad ogni livello della vita pubblica, in un’ottica “smart” (smart community, smart city, smart land) che prevede nuove forme di partecipazione e di governance, oltre a una formazione continua, perché i saperi digitali sono interconnessi, interattivi, olistici, responsabili, diffusivi, virali.

 

Fondazione Francesco Fabbri, in quanto soggetto propositivo di tematiche e iniziative legate alla Contemporaneità, mette questo nuovo lavoro di sintesi a disposizione di tutti i soggetti territoriali interessati, offrendosi di svolgere presentazioni informative e riflessioni collettive presso coloro che ne facciano richiesta.