Ita /Eng /

Giuria

curatore

Carlo Sala

Critico d’arte e curatore e docente al Master IUAV in Photography a Venezia. È direttore artistico di Photo Open Up – Festival internazionale di Fotografia promosso dal comune di Padova. È membro del comitato curatoriale della Fondazione Francesco Fabbri Onlus per cui si occupa della curatela scientifica del Premio Francesco Fabbri per le Arti Contemporanee e del Festival F4 / un’idea di Fotografia.

 

Leggi biografia

sezione / arte emergente

Lorenzo Balbi

Lorenzo Balbi  è direttore del  MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna  dal 2017, data in cui ha assunto il ruolo di Responsabile dell’Area Arte Moderna e Contemporanea dell’Istituzione Bologna Musei, alla quale afferiscono, oltre al MAMbo, Villa delle Rose, Museo Morandi, Casa Morandi, Museo per la Memoria di Ustica e Residenza per artisti Sandra Natali.

Dopo gli studi in Conservazione dei Beni Culturali all’Università Ca’ Foscari di Venezia, si specializza in Arte Contemporanea all’Università degli Studi di Torino. I suoi testi ed articoli sono stati pubblicati su diverse riviste tra cui: Il Giornale dell’Arte, Inside Art, Artribune, Mousse, La Stampa, Exibart, ATP Diary, Il Giornale dell’Architettura, Juliet. Per quattro anni è stato direttore artistico della galleria Verso Artecontemporanea di Torino, spazio dedicato alla ricerca sugli artisti emergenti del continente asiatico.

Dal 2006 al 2017 alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino, ha insegnato Metodologia della Curatela a Campo, corso per curatori, e si è occupato dell’organizzazione e dello sviluppo di progetti espositivi negli spazi dell’istituzione a Torino e a Guarene d’Alba, oltre alle rassegne espositive della Collezione Sandretto Re Rebaudengo all’estero. Ha seguito come assistente curatore il progetto Residenza per Giovani Curatori Stranieri nel 2009 (coordinatore Ilaria Bonacossa), nel 2011 e 2012 (coordinatore Stefano Collicelli Cagol), fino a diventarne il curatore responsabile per tre edizioni dal 2015 al 2017.

Dal 2018 ha assunto la direzione artistica di ART CITY Bologna, rassegna di eventi espositivi in città promossa in occasione di Arte Fiera.

Docente di Sistemi dell’Arte presso il DAMS dell’Università di Bologna, è membro del consiglio direttivo di AMACI – Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani  – del quale da maggio 2022 ha assunto la carica di presidente –  e del coordinamento del Forum dell’Arte Contemporanea Italiana.

 

Leggi biografia

Rossella Farinotti

Rossella Farinotti è critica d’arte contemporanea, curatrice e giornalista. Scrive per riviste di settore come “Flash Art Italia”, “MYmovies”, “Exibart”. Dal 2016 è direttore esecutivo dell’archivio Gio’ Pomodoro; consulente curatoriale per Sergio Rossi The Magic Kingdom; curatore della Cittadella degli Archivi di Milano e docente presso l’Università Cattolica e NABA (Nuova Accademia di Belle Arti) a Milano. La sua ricerca è attiva nello studio tra l’arte emergente giovane italiana e internazionale, con un costante dialogo con artisti storici. È una attenzione particolare all’arte pubblica e al rapporto tra impresa e arte contemporanea

Antonio Grulli

Antonio Grulli (La Spezia 1979),  critico d’arte e curatore, si occupa della collezione e delle attività legate all’arte contemporanea di Palazzo Bentivoglio a Bologna ( palazzobentivoglio.org ). Ama molto scrivere. Talvolta dipinge.  Negli anni ha curato mostre per spazi quali Viafarini (Milano), MAMbo (Bologna), Ala Scaligera della Rocca di Angera (Varese), Fondazione del Monte (Bologna), Museo di Castelvecchio (Verona), le gallerie  3+1 (Lisbona),   Raffaella Cortese (Milano),  De Foscherari (Bologna), F rancesca Minini (Milano), P420 (Bologna), Le Dictateur (Milano), Hamlet (Zurigo), Fondazione Carispezia (La Spezia) e per il project space Codalunga di Nico Vascellari (Vittorio Veneto). Con l’artista Keren Cytter ha pubblicato per i tipi di  Humboldt  Books il libro  Tel Aviv – Jerusalem Diaries  e hanno curato assieme il progetto  The First Morning Fest of Unreasonable Acts , tenutosi a Bologna nell’autunno del 2018. Con il curatore Davide Ferri ha ideato e curato  Sentimento Nuevo , una ricerca sulla critica d’arte fatta di incontri, conferenze, lectures e performance iniziata nel 2009 e terminata nel 2011.  Con Diego Bergamaschi e Marco Martini ha dato vita al progetto curatoriale Eddy Merckx, che sta sviluppando, tra le altre cose, la serie di mostre  Grid , incentrate sulle pubblicazioni e i libri come linguaggio artistico.  Ha collaborato con le testate Flash Art, ATP Diary, Artribune, Cura Magazine, Exibart, Le Dictateur, Mousse Magazine, Arte e Critica, Boite,  e scritto per artisti quali: Andreas Angelidakis, Paola Angelini, Jacopo Benassi, Anna-Sophie Berger, Luca Bertolo, Chiara Camoni, Pierpaolo Campanini, Giulia Cenci, Paolo Chiasera, Francesco De Grandi, Flavio Favelli,  Kinkaleri,  Giacomo Montanelli, Anna Ostoya, Katrin Plavcak, Concetto Pozzati, Sissi, Maddalena Tesser, Nico Vascellari, Cuoghi Corsello, Italo Zuffi. Ha da poco fondato con l’artista Jacopo Benassi lo spazio FBI a La Spezia.

Angel Moya Garcia

Angel Moya Garcia (Cordova, Spagna, 1980. Vive e lavora a Firenze) è critico e curatore d’arte contemporanea. Laureato in Storia dell’Arte presso l’Università di Cordova (Spagna) è attualmente Responsabile della programmazione e degli eventi culturali del Mattatoio di Roma, Co-Direttore per le Arti Visive della Tenuta Dello Scompiglio a Lucca, curatore d’arte contemporanea del Progetto “Panorama 2022” della Quadriennale di Roma e socio di ICOM Italia – International Council of Museums, dell’IKT – International Association Of Curators Of Contemporary Art e dell’IAC – Istituto di Arte Contemporanea in Spagna. La dimensione fondamentale della sua ricerca si centra sul concetto di identità, sulla collettivizzazione dell’individuo e sulla decostruzione del soggetto nella filosofia contemporanea. Allo stesso tempo affronta interrogativi sulla trasversalità, attraverso l’analisi dei confini e l’identificazione e l’approfondimento di convergenze e linee intersecanti nelle diverse pratiche della contemporaneità, con una speciale attenzione verso i linguaggi installativi e performativi.

 

Leggi biografia

sezione / fotografia contemporanea

Daniele De Luigi

Daniele De Luigi è curatore di FMAV Fondazione Modena Arti Visive, dove si occupa di arte e fotografia contemporanea e ha curato mostre collettive e personali, tra cui quelle di Candice Breitz, Jordi Colomer, Willie Doherty, Quayola, Stefano Arienti. È curatore di Giovane Fotografia Italiana – Premio Luigi Ghirri, un progetto del Comune di Reggio Emilia avviato nel 2012 per la scoperta e la valorizzazione dei talenti emergenti della fotografia in Italia. Insegna Pratiche di allestimento al Corso triennale di fotografia e new media della Fondazione Studio Marangoni di Firenze, di cui è membro del comitato scientifico.

 

Leggi biografia

Francesca Lazzarini

Laureata in Sociologia lavora nel mondo della fotografia dalla fine degli anni Novanta. Dal 2007 collabora alla nascita e allo sviluppo di Fondazione Fotografia Modena, progetto al quale si dedica a tempo pieno sino al 2012, occupandosi di formazione, editoria, residenze e curatela di progetti speciali.

 

Leggi biografia

Elisa Medde

 

Elisa Medde cura e scrive di fotografia. Con una formazione in Storia dell’Arte, Iconologia e Studi Fotografici la sua ricerca riflette sulla relazione tra immagine, comunicazione e potere. E’ stata nominatrice, tra gli altri, per il Mack First Book Award, Prix Elysée, The Leica Oskar Barnack Award e MAST Foundation for Photography Grant. È membro di numerose giurie e scrive per Foam Magazine, Something We Africans Got, Vogue Italia/L’Uomo Vogue e altre pubblicazioni. Elisa e’ Editor in Chief di Foam Magazine, Amsterdam, con il quale collabora dal 2012.

Mauro Zanchi

 

Mauro Zanchi è critico d’arte, curatore e saggista. Dirige il museo temporaneo BACO (Base Arte Contemporanea Odierna), a Bergamo, dal 2011. Le pubblicazioni più recenti sono: Luigi Ghirri. Pensiero paesaggio (Silvana Editoriale, 2016), Mario Giacomelli. Terre scritte (Silvana Editoriale, 2017), Arte e magia (Giunti, 2018), Nino Migliori (Humboldt books, 2020), Arte ed eros (Giunti, 2020), Arte e alchimia. Dall’antico al contemporaneo (Giunti, 2021), Metafotografia 1+2+3 (Skinnerboox, 2019-2021), La fotografia come medium estendibile (Postmedia books, 2022), Arte e gioco (Giunti, 2022). Scrive per Art e Dossier, Antinomie, ATPdiary, Doppiozero.

Ultimi post

Comunicato stampa del 27.05.22

Inaugura il festival F4 / Un’idea di Fotografia, dedicato alla fotografia contemporanea

Comunicato stampa del 16.05.22

PREMIO FRANCESCO FABBRI 2022: Parte l’undicesima edizione del Premio